Navigation – Plan du site

La costruzione della sincerità tra dimensione personale e sfera politica

Claudia Gori

Résumés

Cet article est consacré à la construction de la valeur de sincérité dans un corpus constitué de quatre correspondances de couples appartenant à la noblesse et à la bourgeoisie dans l’Italie de la fin du xixe siècle. Il s’agit d’étudier, à travers la question de la sincérité, les liens qui unissent la construction de la subjectivité individuelle et les formes de l’organisation sociale, à l’articulation de trois espaces distincts : l’intime, la sphère privée et la sphère publique. Cette approche rend aussi possible l’exploration des rapports entre les idées, les choix, les actions et les conditions historiques dans lesquelles les sujets évoluent et mûrissent leurs expériences.

Haut de page

Texte intégral

Afficher l’image
Crédits : Photo Jean-Pierre Cavaillé
  • 1  Per una analisi critica del concetto di sfera pubblica, che tiene conto della società liberale ott (...)

1Vorrei riprendere il dibattito su simulazione e dissimulazione, per affrontare un tema solo parzialmente diverso, nel contesto dell’Ottocento italiano. La capacità di simulare e dissimulare rimanda alla questione della costruzione del sé e a quella del rapporto tra la dimensione intima della coscienza, la sfera privata dei rapporti interpersonali e – come dirò meglio in seguito – lo spazio pubblico della comunità politica e della vita associata1. Simulazione e dissimulazione rinviano, infatti, a un rapporto storico tra la costruzione della soggettività individuale e le forme dell’organizzazione sociale, che definiscono se stesse anche attraverso l’espressione dei modelli culturali. Il rapporto tra individuale e collettivo – un rapporto storicamente variabile, che assume aspetti diversi in diversi contesti storici e culturali – può essere quindi indagato a partire dall’analisi dei confini tra personale, privato e pubblico e delle loro reciproche interdipendenze.

  • 2  Per considerazioni utili sulle scale di analisi nella prospettiva storiografica, rimando a: Jacque (...)

2In particolare, il mio contributo si basa sull’analisi di quattro carteggi di coppia, nell’Italia borghese dell’Ottocento. Rispetto a questi contesti, mi interessa avanzare alcune considerazioni e indagare brevemente il tema della sincerità, in qualche modo speculare al nodo simulatio/dissimulatio, ma per altri tratti anche complementare e ad esso intrecciato. Non è, d’altra parte, mia intenzione costruire una teoria della sincerità, che pretenda di abbracciare complessivamente un secolo, quanto piuttosto sviluppare – anche dal punto di vista delle fonti e, quindi, della prospettiva storiografica – alcune ipotesi sul rapporto a cui ho fatto riferimento tra personale e pubblico. La scelta di fonti private e di quattro casi- studio non è quindi adottata nell’ottica di riprodurre in scala fenomeni più grandi o di maggiore importanza2; nasce invece con l’obiettivo di cogliere nessi significativi sul piano storiografico e avanzare una interpretazione dinamica e complessa dei  fenomeni sociali.

  • 3 Il rapporto tra pubblico e privato, in relazione alla società ottocentesca e alla definizione della (...)
  • 4  Per l’analisi storica dell’amore in Europa, rimando ai lavori di Luisa Passerini e, in particolare (...)
  • 5  L’analisi delle lettere e dei documenti privati tiene conto di una ricca e complessa tradizione di (...)
  • 6  Per l’interpretazione della soggettività in relazione alle rete delle appartenenze e dei legami pe (...)

3I carteggi a cui mi riferisco – affiancati ciascuno da un più vasto archivio documentario – rappresentano il nucleo tematico principale di una ricerca storiografica sui sentimenti privati e pubblici, nel contesto a cui ho accennato dell’Italia romantica e ottocentesca3. La rappresentazione culturale dell’amore e l’attenzione ai linguaggi d’amore che si formano e si definiscono all’interno delle quattro coppie si inserisce, infatti, in un più ampio discorso sull’espressione dei sentimenti che collegano la dimensione della coppia a quella della famiglia e della società che li esprime4. Insieme ai quattro carteggi, l’uso di altri documenti quali lettere familiari o amicali, diari intimi, note, appunti, documenti personali, ritagli di stampa e giornali, opuscoli e pubblicazioni, scritture private e pubbliche permette di sviluppare l’analisi del rapporto tra soggettività individuale e contesto sociale di appartenenza, in cui l’identità si costruisce attraverso la relazione con altri soggetti sociali e la società diventa anche il luogo in cui si sviluppa il dibattito sulle sue forme e sui suoi confini5. Tra scrittura intima, privata e pubblica, la ricerca si occupa quindi di indagare i nessi tra le diverse manifestazioni della soggettività nei tre ambiti considerati, ma anche di esplorare il rapporto tra le idee, le scelte, le azioni e le condizioni storiche in cui i soggetti vivono e maturano le loro esperienze6.

4Nell’ambito di queste scelte metodologiche, la prospettiva che presento in questo breve contributo rappresenta il tentativo di avanzare alcune idee ancora del tutto embrionali, ma anche capaci di offrire spunti e approfondimenti. La sincerità, infatti, identifica significativamente un tema che nei quattro carteggi viene usato – sebbene in maniera molo differente – per costruire ponti concettuali sia tra la dimensione personale e quella pubblica, che tra il presente e il passato. I quattro carteggi si riferiscono, infatti, a contesti culturali e politici parzialmente differenti – pur nella comune appartenenza alle classi medio- alte dell’Italia liberale –, a partire dai quali è possibile sviluppare una prospettiva complessa sulla società italiana dell’Ottocento.

  • 7  Ercole Trotti Mosti nasce a Ferrara nel 1786, dove muore nel 1828. Gianna nasce a Verona nel 1798 (...)

5Il primo carteggio (1817-1827) in senso cronologico appartiene a una coppia di nobili, che vivono a cavallo tra antico regime e società contemporanea. Ercole Trotti Mosti e Gianna Maffei – rispettivamente originari di Ferrara e Verona – si conoscono a Verona tramite amicizie comuni intorno al 1814, quattro anni prima del matrimonio7. Dal 1814 al 1817 – data del fidanzamento – mentre Gianna viene educata in seno alla famiglia, Ercole risulta impegnato in un lungo viaggio in Europa. La simpatia iniziale tra i due giovani – tra cui esiste una differenza di età di tredici anni – viene incoraggiata dalla madre di Gianna, che si occupa di tenere i contatti con il futuro genero, nella speranza di indirizzare a buon fine la sua predilezione per la figlia. Ercole – nobile e ricco – rappresenta un partito adatto e conveniente per Gianna, che a sua volta può vantare le caratteristiche di giovinezza, innocenza, ottima estrazione sociale apprezzabili in una moglie. I due futuri fidanzati sono quindi perfettamente compatibili e il matrimonio non si colloca al di fuori di una salda strategia matrimoniale per entrambe le parti, eppure – nella corrispondenza che inizia dopo la dichiarazione e la promessa di fidanzamento nel 1817 – si preferisce da subito dare valore ad altri criteri di scelta: in particolare, all’amore reciproco, all’intima compatibilità dei ruoli e dei caratteri nella coppia e alla comune visione della vita.

  • 8  Sulle trasformazioni della famiglia tra antico regime ed età contemporanea, con riferimento alla c (...)

6Sul piano personale, si legge infatti nelle lettere una significativa dichiarazione di valori e di contenuti, sui quali basare il matrimonio e la vita futura. La trasparenza, la sincerità, la reciproca conoscenza delle “anime” diventano valori espliciti sui quali costruire il rapporto e la convivenza. Il tema della sincerità si presenta, quindi, sotto una complessità di punti di vista. Innanzitutto, la sincerità rimanda all’idea della libera scelta nel matrimonio, che supera lo schema della convenienza e dell’alleanza tra famiglie. La scelta appartiene, in primo luogo, ai fidanzati e concerne la loro vita di individui, che sono legati alle famiglie tramite legami d’affetto8. Dall’analisi del complesso delle fonti, sappiamo che questo aspetto non è del tutto vero, tuttavia il dato interessante riguarda proprio la selezione dei valori sui quali si dichiara di costruire la vita, l’obiettivo che i fidanzati identificano come proprio, prima ancora della dinamica dei rapporti sociali in cui vivono. L’idea della sincerità rimanda, d’altra parte, all’emersione della sfera intima e della soggettività individuale che, nell’ambito di questa corrispondenza, rivela contorni e contenuti. La sfera soggettiva si costruisce attraverso la relazione con l’altro e si modella al contatto interpersonale: l’intimità si struttura come luogo della costruzione del sé, su cui è possibile intervenire attraverso la volontà, le scelte, il controllo dei desideri.

7Soprattutto, però, lo spazio della soggettività si rivela come un luogo in cui prendono forma i rapporti di genere e, nello specifico, si definiscono le modalità di relazione all’interno della coppia. Da questo punto di vista, la sincerità si definisce anche nel senso della spontaneità nel rapporto d’amore e tuttavia rimane saldamente ancorata al contesto culturale e storico che la produce. Sincerità e spontaneità appaiono, infatti, in gran parte, frutto di una scelta meditata e di un voler essere attraverso il quale si costruisce il proprio sé, individualmente e socialmente. La spontaneità dipende dalla scelta di prediligere la sincerità all’artificio, la naturalezza alla simulazione, la verità alla dissimulazione. Nell’identificare la spontaneità come frutto ed effetto di una costruzione interiore, la sincerità si pone ancora come un esito da raggiungere, i cui contenuti debbono essere scelti e sapientemente elaborati. Sincerità e spontaneità assurgono a caratteristiche significative della soggettività individuale del nuovo secolo, ma il modo in cui vengono espresse risente ancora dei rapporti di antico regime. Per quanto riguarda i rapporti di coppia, prevale e si afferma il modello roussoviano, in cui la gerarchia tra uomini e donne viene reinterpretata nella identificazione dell’intimità e della reciproca compatibilità tra i coniugi. Se i comportamenti spontanei devono rivelare la sincerità dell’animo, essi devono tuttavia anche conformarsi alla gerarchia nei rapporti di genere, da cui si desume la reciproca compatibilità tra uomini e donne. In questo senso, l’analisi del rapporto di coppia – culturalmente e socialmente costruito – mi spinge a osservare che per sincerità non si intende «essere come si è», ma piuttosto «costruirsi secondo quanto si ritiene giusto e legittimo». L’idea della sincerità, infatti, assume un significato diverso per l’uomo o per la donna, nella convivenza e nel matrimonio. Sincera è la donna che apre l’animo al marito e che gli rivela tutta se stessa, perché egli sappia riconoscerla e guidarla. Sincero è l’uomo che dichiara alla donna desiderata tutto il suo amore e la rende parte della sua vita. I ruoli di genere non sono ancora paritari e, nella complementarietà, rivelano il diverso grado di autonomia delle reciproche posizioni. La sincerità è funzionale, nella donna, al «lasciarsi guidare» e al «lasciarsi formare» da parte del marito da cui ancora dipende. All’uomo viceversa spetta «dare forma» alla moglie e dirigerne il carattere.

8Questi elementi – che aiutano a collocare la corrispondenza nel suo periodo storico, tra antico regime e società contemporanea – si rivelano d’altra parte anche illuminanti nel tentativo di approfondire il discorso sulla soggettività in relazione al suo contesto culturale e sociale. Infatti, nell’intenzione dei due scriventi e futuri sposi, le qualità dell’animo menzionate non si sviluppano isolatamente dal contesto sociale nel quale essi dichiarano di voler vivere. Nell’orizzonte nobiliare della loro esistenza,  la società è ancora la comunità a cui si appartiene e nella quale si ricopre un ruolo egemone e di guida. La corrispondenza tra i fidanzati lascia intravedere, anche in questo caso, la dimensione ideale e roussoviana di Claire, in cui il nobile vive tra città e campagna come signore e capo-famiglia. D’altra parte, l’antitesi tra città e campagna tesse tutta la trama della corrispondenza e l’idealizzazione della vita semplice, lontana dagli sfarzi mondani, chiusa e raccolta nell’intimità della famiglia, rappresenta un motivo importante per entrambi i fidanzati, che costituiscono intorno ad essa le aspettative di vita futura. La sincerità non rappresenta, quindi, soltanto una qualità auspicata dell’animo o una base sulla quale costruire l’intesa nella coppia: la sincerità si pone anche alla base della vita sociale, nella quale il signore non è despota, accoglie i bisogni dei più umili, così come ama ed è amato dalla propria compagna. Le qualità dell’animo che sono considerate necessarie alla coppia degli sposi e al loro affetto reciproco diventano, in questo modo, speculari alle qualità che il signore cerca di valorizzare nella vita politica, con l’obiettivo di costruire sulla dolcezza e sulla comprensione i rapporti sociali di cui si pone il vertice. In questo passaggio storico, la prospettiva intima della sincerità nel rapporto d’amore si colloca esplicitamente e specularmente in direzione di una comunità in cui prevalgano nuovi criteri politici e in cui il comando sia basato sulla reciproca comprensione tra le parti sociali, secondo un modello che in parte si affermerà – di lì a pochi anni – nel liberalismo del Risorgimento.

  • 9  Grazia Mancini nasce a Napoli nel 1842 e muore a Roma nel 1913. Augusto Pierantoni nasce a Chieti (...)
  • 10  Augusto Pierantoni conosce Pasquale Stanislao Mancini, mentre presta servizio presso il Ministero (...)
  • 11  Pasquale Stanislao Mancini nasce a Castelbaronia, in provincia di Avellino, nel 1817 e muore a Rom (...)

9Con il secondo carteggio tra Grazia Mancini e Augusto Pierantoni (1866- 1909) entriamo, infatti, nell’orizzonte politico dell’Italia liberale9. Il rapporto con il Risorgimento diventa costitutivo e fondante della nuova comunità politica che tuttavia si colloca in un contesto non più eroico, ma viceversa basato sulla valorizzazione dell’esperienza quotidiana e sull’idea borghese del lavoro. Augusto Pierantoni è infatti un giurista – professore di diritto, avvocato, deputato e poi senatore del Regno – che compie la sua carriera all’ombra del suocero Pasquale Stanislao Mancini10. Costui, esponente della rivoluzione liberale napoletana del 1848, emigrato in Piemonte e vicino alla corte dei Savoia, era stato durante il Risorgimento un esponente di primo piano del liberalismo moderato. Giurista, avvocato e professore di diritto, aveva compiuto una brillante  carriera politica, diventando dopo il 1860 più volte Ministro dell’Italia unita11. La sua fama di studioso e uomo politico e il fascino della sua personalità avevano acquistato uno spazio significativo non soltanto nella dimensione pubblica dello Stato, ma anche in quella privata della famiglia, di cui egli rappresentava il punto di riferimento in termini di autorità morale e materiale. La figlia primogenita Grazia compie la sua educazione nel culto del padre e – grazie alla disponibilità di questi e alla sua apertura nei confronti dell’istruzione delle donne – si avvicina alla letteratura e diventa scrittrice, cercando di affermare e diffondere i valori della famiglia e della nazione uscita dal Risorgimento. In famiglia, Grazia conosce Augusto Pierantoni – discepolo del padre – che si è già distinto nello studio della giurisprudenza e che le promette una vita di soddisfazioni costruite sull’affetto reciproco, sul lavoro e sulla crescita sociale. All’interno di questa coppia, i ruoli di genere sono definiti da una rigida separazione tra sfera pubblica e sfera privata, in cui alle donne spettano i compiti di riproduzione e di cura della famiglia. Infatti, i doveri familiari di Grazia non sono reinterpretati alla luce dalla sua attività di scrittrice e rimangono preponderanti su tutto il resto, mentre ad Augusto spetta il sostentamento economico della famiglia e il mantenimento della sua posizione sociale. In questo orizzonte pregno di valori simbolici e ideali, tuttavia, la famiglia non viene concepita come unità naturale al di fuori del tempo, ma viene viceversa identificata come cellula e specchio della nazione. Al suo interno, i compiti delle donne rimandano al ruolo morale di cui esse dovrebbero farsi interpreti  nella vita nazionale, sostenitrici e propagatrici di quei medesimi valori in cui si specchiano reciprocamente pubblico e privato. La subordinazione delle donne nella sfera pubblica rimanda alla costruzione della famiglia intorno all’autorità del padre e del marito, tuttavia la dinamica delle esperienze concrete è spesso più duttile dei modelli ideali e, in questo contesto, non sono assenti spazi di libertà femminile e momenti di autonomia individuale.

  • 12  Grazia Mancini è scrittrice prolifica, anche se piuttosto convenzionale, e si esercita all’interno (...)

10La sincerità per Grazia rappresenta il primo dovere delle donne nella nuova nazione. In particolare, Grazia identifica una significativa corrispondenza tra i valori intorno a cui costruisce la sua vita familiare e di coppia e quelli che afferma nelle sue opere letterarie, riferendosi al pubblico colto e all’opinione pubblica dell’epoca12. Nelle opere letterarie, il modello femminile che si impone serve a valorizzare una compiuta distanza rispetto alla corruzione di antico regime. Alla falsità e all’intrigo di cui le donne erano ritenute complici negli stati preunitari, si sostituiscono con il Risorgimento i valori fondati sulla corrispondenza tra pensiero e azione, sulla trasparenza dei sentimenti, sulla lealtà e la fiducia. La «donna della nuova nazione» è innanzitutto moralmente sana e, grazie a questa sua virtù, acquista il merito di educare i figli ai doveri della vita nazionale. Il suo compito è essenzialmente morale e la sua educazione si giustifica sulla base di questo obiettivo. Le donne vengono chiamate a partecipare alla vita nazionale, ma ad esse si chiede in cambio l’assoluta trasparenza tra esterno e interno. La sincerità diventa specchio del rinnovamento, mentre il controllo sulle donne si esercita non soltanto nello spazio dell’interiorità, ma anche sul corpo. I doveri morali e i criteri che li identificano sono, infatti, rigidamente definiti e – per quanto riguarda le donne – stabiliscono una rigida morale sessuale, basata sull’ideale della purezza.

11Se questi sono i modelli che Grazia difende attraverso le sue opere, la scrittrice trasferisce anche nella vita privata una forte componente ideale e, attraverso di essa, interpreta e rappresenta la propria esperienza. L’ideale della purezza e il principio secondo il quale una donna può amare un solo uomo nella vita rappresentano la trama discorsiva della sua personale esperienza d’amore. La sincerità dell’animo viene associata alla purezza del corpo e la donna si rivela, in questo caso, duttile a modellare la sua esperienza sui precetti morali della nuova nazione. La componente ideale genera, tuttavia, l’impressione che lo spazio della coscienza diventi un luogo di costruzione sociale, in cui i valori vengono pensati prima ancora che vissuti e in cui lo scarto tra ideale e reale identifichi zone d’ombra, rappresentate visivamente dalla malinconia, dalla noia e dalla tristezza esistenziale. Nel caso di Grazia Mancini, si realizza infatti una parziale coincidenza tra la rappresentazione ideale e l’esperienza vissuta, in cui i conflitti probabilmente esistono, ma non diventano espliciti. I modelli culturali che la scrittrice interpreta per dare spazio alla propria esperienza nascono all’interno di un contesto in cui la volontà di stabilire un rapporto stretto tra individuale e collettivo diventa uno strumento di controllo sociale, che si esercita soprattutto sulle donne. Il valore della sincerità – virtù femminile per eccellenza – identifica, infatti, soprattutto per le donne, lo spazio di un dovere che supera i confini tra famiglia e nazione e invade lo spazio individuale della soggettività e della coscienza.

  • 13  Luigi Majno nasce a Gallarate (Milano) nel 1852 e muore a Milano nel 1915; Ersilia Bronzini nasce (...)
  • 14  Per alcune note biografiche su Ersilia Bronzini, si vedano: Edoardo Majno, La fondazione della cli (...)
  • 15  Su Filippo Turati (1857- 1932), forse la personalità più nota del riformismo italiano, nell’ambito (...)
  • 16  Sociologo evoluzionista e docente universitario, Enrico Ferri (1856-1929) è noto per essere deputa (...)
  • 17  La frequentazione dei socialisti milanesi con Cesare Lombroso va interpretata a maglie larghe, ma (...)
  • 18  L’attività politica, emancipazionista e assistenziale di Ersilia Majno si svolge a Milano e nelle (...)

12Il tema della sincerità non si perde, quindi, nel carteggio tra Ersilia Bronzini e Luigi Majno (1877-1913), pur assumendo significati in parte o del tutto diversi e interpretando anche significative sfumature sociali13. Luigi Majno conosce Ersilia Bronzini tramite il fratello di lei, collega e praticante in uno studio legale milanese. Luigi si è affacciato alla professione forense senza appoggi familiari, basando sullo studio e sull’abilità personale la propria esperienza e reputazione. Ersilia, che al momento del primo incontro ha diciotto anni, è cresciuta a sua volta in una famiglia della piccola borghesia lombarda, la quale a causa di un rovescio economico ha dovuto affrontare notevoli difficoltà finanziarie. La sua istruzione è stata quindi esplicitamente sacrificata a quella dei due fratelli maschi che, studiando ingegneria e giurisprudenza, hanno potuto accedere all’esercizio delle rispettive professioni. Ersilia è stata, infatti, costretta a studiare in casa, cercando con l’aiuto dei fratelli di apprendere le lingue straniere o attendendo da sola ai propri studi14. Per tutta la vita, la donna manifesterà per questi motivi un senso di personale sofferenza e inadeguatezza, traendo tuttavia dalle sue difficoltà soprattutto uno stimolo ulteriore all’applicazione e all’esercizio delle proprie energie intellettuali. Ersilia e Luigi si conoscono quindi al di fuori delle reti familiari, si scelgono reciprocamente e contraggono liberamente il loro matrimonio. Il peso delle famiglie è, in questo caso, pressoché inesistente, se l’amicizia di Ersilia e Luigi con il fratello di lei Edgardo non può che essere considerata alla stregua di un rapporto tra coetanei. Nel matrimonio vengono quindi valorizzati l’intimità della famiglia, la profondità degli affetti, la reciproca comprensione e cooperazione tra gli sposi. La famiglia viene, allo stesso tempo, identificata alla stregua di uno spazio separato e di un rifugio rispetto alla sfera pubblica, nel quale l’armonia tra i coniugi prelude alla pace domestica e alla “beatitudine” derivante dall’amore reciproco. La separazione borghese tra sfera pubblica e sfera privata esercita direttamente il suo influsso su questo modello di vita coniugale, eppure – anche in questo caso – la famiglia non può dirsi estranea al coinvolgimento nella sfera pubblica, alle scelte politiche e alle tensioni che attraversano la storia italiana. Sul finire del secolo, la nascita del partito socialista introduce con maggior forza nella vita politica la questione operaia e del lavoro, la critica ai valori borghesi e la necessità di ridefinire e ripensare i rapporti tra le classi. Luigi Majno incontra i socialisti milanesi e, tra loro, Filippo Turati15 ed Enrico Ferri16, frequenta il circolo intellettuale di Cesare Lombroso17, fa entrare direttamente nella sua vita nuovi valori e nuovi principi. Inizialmente, il modello dell’intimità borghese e la morale rigida che lega l’amore al matrimonio faticano a confrontarsi con gli ambienti della sinistra internazionale, improntati ad una maggiore libertà nei costumi. Ersilia si sente legata al suo ruolo di madre e di educatrice e alla responsabilità nei confronti dei figli, eppure ben presto si trova direttamente e intimamente coinvolta in un percorso di riflessione interiore, che la porta a riconoscere e meglio valorizzare i propri principi. Profondamente e direttamente investita dal socialismo, Ersilia non soltanto mette in discussione i suoi valori borghesi, ma osserva la propria esperienza e il ruolo delle donne nella società, orientando la propria riflessione sociale intorno a un sempre più esplicito criterio di «giustizia». Interprete originale insieme al marito del socialismo riformista, la Majno diventa una delle principali esponenti del movimento delle donne di inizio secolo, immergendosi completamente in una variegata attività di intervento sociale18. L’amore all’interno della coppia si alimenta degli ideali comuni e degli obiettivi politici e di intervento pratico. Dal 1900 al 1904, Luigi Majno diventa deputato socialista al Parlamento nazionale e appoggia significativamente molte battaglie femministe.

  • 19 Luigi Majno, contemporaneamente alla professione di avvocato, ottiene per alcuni anni la libera doc (...)

13Per Ersilia e Luigi, la sincerità assume un significato che investe sia la dimensione personale, che quella sociale e politica. La carriera di Luigi come avvocato, studioso di diritto e deputato al Parlamento viene consapevolmente improntata ai criteri della trasparenza19. In questo senso, il carteggio tra i coniugi rivela significativi passaggi nei quali vengono discussi i diversi momenti della carriera e dichiarate le reciproche scelte e inclinazioni, nell’intimità del dialogo personale. Soprattutto Ersilia crede nel valore del marito come studioso e nella sua onestà di uomo; ritiene tuttavia che la sua crescita personale debba derivare dal merito, dall’intelligenza, dai risultati intellettuali raggiunti, piuttosto che da scelte convenienti nelle strategie delle alleanze. Valorizza quindi le sue doti di onestà, trasparenza, rettitudine insieme ai meriti di studio, intuizione e intelligenza. La crescita personale viene, in questo senso, direttamente messa in relazione con la trasformazione della società, a cui Ersilia e Luigi dedicano le proprie energie. Il valore si acquisisce nella capacità di difendere i più deboli, di riconoscere loro diritti personali e sociali, di combattere gli abusi e le storture nei meccanismi che presiedono al funzionamento della società. Il valore borghese della crescita personale e dell’educazione viene significativamente associato a nuovi sentimenti politici che interpretano i rapporti tra le classi, con l’intento di ridefinire i criteri di valore e il concetto di giustizia. Il riconoscimento del lavoro e i meriti delle classi popolari per il benessere e la vita della nazione vengono collegati alla denuncia dello sfruttamento economico e sociale e alla lotta contro l’ignoranza e la miseria.

14Sul piano personale, la trasparenza come nuovo modello di rapporti sociali e come criterio politico si declina nella pratica dell’onestà personale e nella ricerca di costumi semplici. La politica tuttavia ha direttamente investito la dimensione personale, trasformando la sfera intima, senza romperne i confini. La famiglia come luogo di affetti rimane al centro della vita dei due coniugi, ma adesso viene concepita alla luce dei nuovi valori, nei quali i sentimenti privati diventano lo specchio di quelli pubblici e viceversa. La sincerità, da elemento ambivalente della costruzione del sé, si trasforma nel criterio politico della trasparenza e dell’onestà intellettuale e pratica. La dimensione intima accoglie la ricerca di questi nuovi valori nelle definizione del rapporto di coppia e della complicità tra genitori e figli.

  • 20  Angiolo Orvieto nasce a Firenze nel 1869 e muore nella stessa città nel 1967. E’ figlio di Leone O (...)
  • 21  «Il Marzocco. Periodico settimanale di letteratura e arte» esce a Firenze dal 1896 al 1932. Dirett (...)
  • 22  Angiolo Orvieto scrive, tra l’altro: Sposa mistica e altri versi (1890-1892), Firenze,F.lli Bocca, (...)
  • 23  Cfr.: Claudia Gori, Laura Orvieto.
  • 24  Per l’importanza attribuita alla storia d’amore nella ricostruzione del proprio profilo biografico (...)
  • 25  Per tutto, rimando ancora a: Claudia Gori, Crisalidi.
  • 26  In particolare, Laura Orvieto collabora come giornalista al «Marzocco» e scrive, tra l’altro: Leo (...)
  • 27  Claudia Gori, Crisalidi e Ead., Laura Orvieto.

15Questo valore della sincerità nella costruzione sia del rapporto personale che dei criteri operanti nella sfera pubblica, si trasforma ulteriormente nel carteggio tra Laura Cantoni e Angiolo Orvieto (1899- 1924- ‘50), che dal punto di vista cronologico fa già parte del Novecento. Il contesto sociale è diverso, come l’identità culturale e la collocazione politica dei due coniugi. Angiolo e Laura sono ebrei, cugini per parte di madre, immersi nelle reti della borghesia ebraica italiana, caratterizzata da una certa effervescenza culturale20. Angiolo proviene da una ricca famiglia di banchieri fiorentini e, contando sul patrimonio di famiglia, può permettersi di dedicare la vita alla letteratura, senza doverne ricavare i mezzi di sostentamento. Poeta, critico letterario e organizzatore di cultura, fonda insieme al fratello Adolfo la rivista «Il Marzocco», che partecipa al dibattito di inizio Novecento e diventa – tra le «riviste fiorentine» – interprete dei temi legati all’identità italiana e luogo di incontro di artisti e letterati21. Contemporaneamente, Angiolo sviluppa il suo personale approccio alla letteratura nel senso della raffinatezza e di un elitarismo culturale con ben delineate connotazioni sociali22. La sua vita è, infatti, immersa nel mondo tardo- aristocratico della Bèlle Epoque, in parte separato dagli ambienti produttivi e per molti aspetti ancora collegato alla rendita. Sviluppando la sua vocazione letteraria, Angiolo si pone tuttavia anche al di fuori dei ritmi imposti dalle mere convinzioni sociali ed elabora nell’ambito delle sue relazioni umane e intellettuali gli strumenti dell’impegno culturale e dell’innovazione intellettuale. Lo spazio del suo amore con Laura si connota quindi per alcuni tratti peculiari, che lo rendono interessante sotto molti aspetti. Laura Cantoni è cresciuta a Milano in una famiglia della media borghesia ebraica e, al momento del matrimonio, vanta uno spiccato interesse per la letteratura, che ha potuto coltivare attraverso gli studi compiuti in famiglia e per mezzo di istitutori privati23. L’incontro con Angiolo è allo stesso tempo intellettuale e sentimentale, caratterizzato da reciproca attrazione fisica e cementato dagli interessi comuni. Nello spazio privilegiato dei confini di classe e di censo, Angiolo e Laura ritagliano un territorio in cui la cura del sé diventa l’obiettivo di una costruzione continua in senso personale e attraverso il rapporto d’amore. Le reti familiari sono, in questo caso, importanti nel legittimare la reciproca scelta, ma risultano allo stesso tempo anche subordinate al desiderio romantico, che diventa per entrambi il perno attorno a cui costruire la rappresentazione della propria vita24. Angiolo e Laura non si pongono, infatti, l’obiettivo di rompere i limiti della propria appartenenza sociale e tuttavia cercano, nel dialogo reciproco, strumenti e criteri nuovi per l’interpretazione del mondo. Vicina ai settori moderati del movimento delle donne, Laura – nel corso dei primi anni del Novecento – si lascia attrarre più del marito da simpatie democratiche e sviluppa i temi legati alla libertà personale, in relazione alla soggettività femminile e alle riflessioni che conduce in materia di educazione25. Nei suoi scritti letterari per l’infanzia e nel suo impegno come giornalista26, i confini di genere sono sottoposti a una interessante rielaborazione, mentre il primo livello in cui il tema della sincerità diventa in parte operante riguarda la costruzione del rapporto d’amore. L’influenza del Romanticismo può riconoscersi, in questo caso, come un dato ormai acquisito e rappresenta un’esperienza culturale che si è trasformata in un criterio capace di orientare le scelte. La sincerità, tuttavia non si identifica con la totale appartenenza dell’uno all’altra o, più verosimilmente, della donna al marito, ma presuppone viceversa i momenti del dialogo reciproco, della reciproca incomprensione, della lite, come risulta in maniera piuttosto significativa dalle fonti. La scrittura, a sua volta, diventa un luogo attraverso cui riconoscere il sé, intessendo il dialogo di coppia di momenti di riflessione autonoma. Le analisi di Laura sui temi dell’educazione si concentrano infatti intorno alla formazione della personalità individuale e agli sviluppi che questo tema può implicare nel senso del miglioramento della società27. Una società «migliore» può risultare come prodotto di uomini e donne «migliori», ovvero intimamente formati al rispetto degli altri e al rifiuto (o al controllo) della violenza. La sincerità nel rapporto d’amore deriva dalla libera scelta e dal rispetto della libertà personale, mentre il funzionamento della società viene collegato alla libertà delle scelte e alla rettitudine dei comportamenti individuali.

16La riflessione sulla libertà incontra quindi i fermenti democratici dei primi dieci anni del Novecento e interpreta l’apertura sui temi sociali. Non resiste però alla trasformazione del clima politico e, di fronte alla guerra prima e al fascismo poi, le simpatie democratiche di Laura e le relative aperture di Angiolo vengono riassorbite all’interno delle scelte di classe. Durante i primi anni venti, Angiolo compie una svolta netta in senso conservatore e Laura si trova a seguirlo sul terreno scivoloso del fiancheggiamento al fascismo. Ebrei, gli Orvieto affronteranno, infatti, in prima persona le contraddizioni laceranti delle loro scelte, quando saranno costretti a sfuggire le persecuzioni razziali. Il rapporto d’amore riproduce negli anni la «sincerità» della libera scelta, ma non per questo si rivela immune dai legami più profondi e più complessi, che nascono dai condizionamenti sociali e di genere nella definizione dei percorsi e delle scelte di vita.

Haut de page

Notes

1  Per una analisi critica del concetto di sfera pubblica, che tiene conto della società liberale ottocentesca, rimando all’ormai classico: Jürgen Habermas, Strukturwandel der Őffentlichkeit. Untersuchungen zu einer Kategorie der Bürgelichen Gesellschaft, Neuwied & Berlin, Luchterhand, 1969. Per gli esiti della critica femminista alla teoria del contratto sociale, in relazione allo sviluppo della società contemporanea, si veda invece: Carole Pateman, The sexual contract, Cambridge, Polity Press, 1988.

2  Per considerazioni utili sulle scale di analisi nella prospettiva storiografica, rimando a: Jacques Revel (ed.), Jeux d’échelles: la micro- analyse à l’experience, Paris, Gallimard, 1996.

3 Il rapporto tra pubblico e privato, in relazione alla società ottocentesca e alla definizione della sfera pubblica viene indagato significativamente nell’ambito storiografia anglosassone, dove si analizza anche la costruzione dell’identità personale, rispetto alla formazione dell’Impero Britannico e della sua coscienza politica. Rimando a: Leonore Davidoff, Catherine Hall, Family Fortunes: Men and Women of the English Middle Class, 1780- 1850, London, Hutchinson, 1987; Leonore Davidoff, Worlds between: historical perspectives on gender and class, Cambridge, Polity Press, 1995; Ead., Al di là della dicotomia pubblico/privato: pensando ad una storia femminista per gli anni Novanta, «Passato e presente», 1991, 27, p. 133-152; Catherine Hall, White, Male and Middle Class. Explorations in Feminism and History, Cambridge, Polity Press, 1992; Catherine Hall, Keith McClelland, Jane Rendall, Defining the Victorian Nation: Class, Race, Gender and the British Reform Act of 1867, Cambridge, Cambridge University Press, 2000. In Italia, il dibattito ha coinvolto la definizione della nazione e dei suoi confini: Alberto Mario Banti, La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini dell’Italia unita, Torino,Einaudi, 2000; Id., L’onore della nazione. Identità sessuali e violenza nel nazionalismo europeo dal xviii alla Grande Guerra, Torino, Einaudi, 2005; Alberto Mario Banti, Paul Ginsborg (a cura di), Il Risorgimento, in Storia d’Italia. Annali, 22, Torino, Einaudi, 2007; Paul Ginsborg, Ilaria Porciani (a cura di), Famiglia, società civile e Stato tra Otto e Novecento, «Passato e presente», 2002, 57; Ilaria Porciani (a cura di), Famiglia e nazione nel lungo Ottocento italiano: modelli, strategie, reti di relazione, Roma, Viella, 2006.

4  Per l’analisi storica dell’amore in Europa, rimando ai lavori di Luisa Passerini e, in particolare, a: Luisa Passerini, L’Europa e l’amore. Immaginario e politica tra le due guerre, Milano, Il Saggiatore, 1999; Luisa Passerini, Storie d’amore e d’Europa, Napoli- Roma, L’Ancora, 2008.

5  L’analisi delle lettere e dei documenti privati tiene conto di una ricca e complessa tradizione di studi: Roger Chartier (éd.), La correspondance: le usage de la lettre au xixe siècle, Paris, Fayard, 1991; Id., Inscrire et effacer. Culture écrite et littérature (xie-xviiie siècle), Seuil, Gallimard, 2005; Roger Chartier, Alain Boureau and Cécile Dauphin, Correspondence: Models of Letter- Writing from the middle Ages to the Ninteenth Century, Cambridge, UK, Polity Press, 1997; Mireille Bossis, Methodological Journeys through Correspondences, «Yale/French Studies», 1986, 71, pp. 63-75; Ead. (éd.), L’épistolarité a travers les siècles. Geste de communication et/ou d’écriture, Franz Steiner Verleg, Stuttgart, 1990; Ead., La lettre entre mythe et réalités: quelle lecture ? Pour une bibliographie sur l’“epistolaire”, «Igitur», 1991, 1, p. 7- 26; Ead. (éd.), La lettre a la croisée de l’individual et du social, Paris, édition Kimé, 1994; Cecile Dauphin, Pierrette Lebrun- Pézerat, Danièle Poublan, Ces bonnes lettres. Une correspondance familiale au xixe siècle, Paris, Albin Michell, 1995; Daniel Fabre (éd.), Par écrit : éthnologie des écritures quotidiennes, Paris, éditions de la Maison des sciences de l’homme, 1997; Daniel Fabre, Agnès Fine (éds.), Parler, chanter, lire, écrire, «Clio», 2000, 11; Marie-Claire Grassi, Friends and lovers (or the codification of intimacy), «Yale/French Studies», 1986, 71, p. 77-92. Si considerino quindi: Christa Hämmerle (ed.), Plurality and Individuality: Autobiographical Cultures in Europe. International Research Workshop, Vienna, 21-22 ottobre 1994, Wien, InternationalesForschungszentrum, 1995; Rebecca Earle (ed.), Epistolary Selves: Letters and Letter- Writers, 1600- 1945, Aldershot, Ashgate, 1999; Per quanto riguarda il dibattito italiano si vedano in particolare: Adriana Chemello, Alla lettera. Teorie e pratiche epistolari dai Greci al Novecento, Milano, Guerini e Associati, 1998; Gabriella Zarri (a cura di), Per lettera. La scrittura epistolare femminile tra archivio e tipografia, secoli xv-xvii, Roma, Viella, 1999; Anna Iuso (a cura di), Scritture di donne. Uno sguardo europeo, Atti del Convegno di studi, Arezzo,12-13 marzo 1999, Siena, Protagon, 1999; Maria Luisa Betri e Daniela Maldini Chiarito (a cura di), Dolce dono graditissimo: la lettera privata dal Settecento al Novecento, Milano, Angeli, 2000. Armando Petrucci, Scrivere lettere. Una storia plurimillenaria, Roma- Bari, Laterza, 2008.

6  Per l’interpretazione della soggettività in relazione alle rete delle appartenenze e dei legami personali e sociali, rimando a: Giulia Calvi (a cura di), Barocco al femminile, Roma-Bari, Laterza, 1992.

7  Ercole Trotti Mosti nasce a Ferrara nel 1786, dove muore nel 1828. Gianna nasce a Verona nel 1798 e muore a Ferrara nel 1879. Appartengono entrambi a famiglie nobili e possidenti. Gianna proviene dal ramo Maffei di S. Pietro Incarnario ed è figlia di Antonio Maffei e Laura di Canossa. Ercole è il rampollo di una delle più ricche famiglie ferraresi: i Trotti Estense Mosti. Gianna ed Ercole si sposano nel 1818.

8  Sulle trasformazioni della famiglia tra antico regime ed età contemporanea, con riferimento alla costruzione delle relazioni d’affetto, rimando in particolare a: Marzio Barbagli, Sotto lo stesso tetto. Mutamenti della famiglia in Italia dal xv al xx secolo, Bologna, Il Mulino, 1984; si vedano, inoltre: Marzio Barbagli, David I. Kertzer, Storia della famiglia italiana, 1750- 1950, Bologna, Il Mulino, 1992 e, in relazione al contesto europeo: David I. Kertzer, Marzio Barbagli (eds.), The History of European Familly, New Haven- London, Yale University Press, 2003.

9  Grazia Mancini nasce a Napoli nel 1842 e muore a Roma nel 1913. Augusto Pierantoni nasce a Chieti nel 1840 e muore a Roma nel 1911. Si sposano nel 1868.

10  Augusto Pierantoni conosce Pasquale Stanislao Mancini, mentre presta servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione, a Torino, dopo l’Unità. In pochi anni, diventa collaboratore di Mancini nell’attività forense, si laurea contemporaneamente in giurisprudenza a Napoli e dopo aver combattuto nella spedizione dei Mille nel 1860, ottiene la cattedra di Diritto internazionale e costituzionale a Modena, nel 1865. Nel 1866 prende parte come artigliere alla guerra contro l’Austria e nel 1868 sposa Grazia Mancini. La sua carriera si svolge tra l’attività di avvocato, l’insegnamento universitario la politica. Nel 1870 diventa professore di Diritto costituzionale a Napoli e nel 1878 subentra a Mancini nella cattedra di Diritto internazionale a Roma. Nel 1874 è eletto Deputato dal Collegio di Santa Maria Capua Vetere e viene riconfermato nel 1876 e nel 1880, sempre sedendo tra i banchi della Sinistra. Dal 26 novembre 1883 diventa Senatore del Regno. Riceve, nel corso della vita, numerose cariche onorifiche, tra cui una laurea honoris causa dall’Università di Oxford (1885). E’ tra i fondatori dell’Istituto di Diritto Internazionale a Gand (1873) e, nel 1885, partecipa come delegato italiano alla Conferenza di Parigi per un trattato sulla navigazione libera del canale di Suez.

11  Pasquale Stanislao Mancini nasce a Castelbaronia, in provincia di Avellino, nel 1817 e muore a Roma nel 1888. La famiglia, di origini romane, discende dal ramo di Domenico Nicola Mancini, che nel Cinquecento si trasferisce nel Regno di Napoli. Nonostante le origini nobiliari, Pasquale Stanislao Mancini dedica la vita alle attività «borghesi» di avvocato e professore, a cui unisce una solida carriera di uomo politico. Esponente del liberalismo napoletano ed esule a Torino con la famiglia dopo la rivoluzione napoletana del 1848, insegna diritto internazionale a partire dal 1850, diventando Deputato al Parlamento subalpino dal 1855 e poi al Parlamento nazionale dal 1860. Collaboratore di Cavour, assume il Ministero dell’Istruzione Pubblica nel 1862, ma conserva l’incarico per soli ventotto giorni. Dopo il 1876, con l’avvento della Sinistra, rientra nel Governo come ministro di Grazia e Giustizia (1876-78) e, dal 1881 al 1885, tiene il portafoglio degli Esteri. E’ l’iniziatore della politica coloniale italiana in Africa orientale, con l’occupazione del porto di Massaua (1885).

12  Grazia Mancini è scrittrice prolifica, anche se piuttosto convenzionale, e si esercita all’interno di più generi letterari, scrivendo principalmente romanzi, novelle, poesie, commedie e racconti a sfondo storico. Tra i romanzi più importanti: Costanza, Roma-Torino-Firenze, Loescher, 1887; Sul Tevere, Roma, Sommaruga, 1894; La signora Tilberti, Città di Castello, Lapi, 1900; Tardi: romanzo, Torino-Roma, Società Tip. Ed. Nazionale, 1907. Un romanzo a sfondo storico e patriottico è invece: Alla Vigilia (1858-1859), Torino,Roux Frassati e C., 1899. Tra i racconti, si considerino in particolare: Dora, Treccia bionda, La casa nasconde, ma non ruba, Arnoldo, Milano, Libreria Editrice Brigola, 1876; Lidia. Racconto, Milano, Giuseppe Ottino editore, 1880. Tra le novelle: Novelle umili, Catania, Giannotta, 1904. Le poesie sono raccolte principalmente in: Poesie, Torino- Roma, Roux e Viarego, 1905 e Poesie straniere, Rocca S. Casciano, Stab. Tip. Licinio Cappelli Editore, 1898.

13  Luigi Majno nasce a Gallarate (Milano) nel 1852 e muore a Milano nel 1915; Ersilia Bronzini nasce a Milano nel 1859, dove muore nel 1933. Si sposano nel 1883.

14  Per alcune note biografiche su Ersilia Bronzini, si vedano: Edoardo Majno, La fondazione della clinica del lavoro di Milano attraverso il carteggio Luigi Devoto- Ersilia Majno Bronzini, Milano, Asilo Mariuccia, 1985, pp. 21- 25; e inoltre: Bronzini Ersilia in Majno, in Dizionario biografico delle donne lombarde, 568- 1968, a cura di Rachele Farina, Milano, Baldini & Castoldi, 1995.

15  Su Filippo Turati (1857- 1932), forse la personalità più nota del riformismo italiano, nell’ambito di una vasta bibliografia, si vedano: Turati Filippo, in Il movimento operaio italiano, vol. V, Roma, Editori Riuniti, 1977; Renato Monteleone, Filippo Turati, Torino, Utet, 1987; Maurizio Degl’Innocenti, Filippo Turati e la nobiltà della politica, Manduria, Lacaita, 1995.

16  Sociologo evoluzionista e docente universitario, Enrico Ferri (1856-1929) è noto per essere deputato socialista, prima vicino alla corrente riformista e poi a quella rivoluzionaria. Si vedano: Ferri, Enrico, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1997 e Ferri Enrico, in Il movimento operaio italiano, vol. II, Roma, Editori Riuniti, 1976. Per il suo contributo alla scuola positiva, si consideri tra l’altro: Enrico Ferri, Studi sulla criminalità e altri saggi, Torino, Bocca, 1901.

17  La frequentazione dei socialisti milanesi con Cesare Lombroso va interpretata a maglie larghe, ma allo stesso tempo descrive il tracciato di un orizzonte intellettuale. A Cesare Lombroso (1836-1909), notissimo psichiatra e antropologo di orientamento positivista, che ebbe una larga influenza sulla cultura italiana tra Otto e Novecento, si deve infatti l’insistenza sulle caratteristiche psico- patologiche degli individui. Si veda, tra l’altro: Cesare Lombroso, L’uomo delinquente in rapporto all’antropologia, alla giurisprudenza e alle discipline carcerarie: delinquente nato e pazzo morale, Roma, Bocca, 1884. Lombroso è anche il sostenitore di altrettanto note teorie antifemministe, sulle base delle quali sostiene l’inferiorità delle donne. Si veda soprattutto: La donna delinquente, la prostituta e la donna normale, Torino, Bocca, 1903. Per la ricezione di Lombroso e la reazione alle sue idee nell’ambiente delle emancipazioniste milanesi e per l’atteggiamento in proposito di Ersilia Majno, rimando invece a: Annarita Buttafuoco, Le mariuccine. Storia di un’istituzione laica: l’Asilo Mariuccia, Milano, Angeli, 1985, p. 162- 163.

18  L’attività politica, emancipazionista e assistenziale di Ersilia Majno si svolge a Milano e nelle reti dell’emancipazionismo nazionale e internazionale. In particolare, Ersilia è tra le fondatrici dell’Unione Femminile (1899), che diventa poi Unione Femminile Nazionale (1905), con sedi in molte città d’Italia. L’associazione rappresenta uno dei centri del «femminismo pratico», in Italia. Si propone, infatti, obiettivi di intervento sociale e di assistenza nei confronti delle donne e porta avanti le battaglie più importanti (dalla richiesta del suffragio e dalla ricerca della paternità, alla parità salariale e al sussidio di maternità), che caratterizzano l’emancipazionismo tra i due secoli. Sulla figura di Ersilia Majno si vedano, principalmente: Ibid.; Ead., Questioni di cittadinanza. Donne e diritti sociali nell’Italia liberale, Siena, Protagon, 1997. Per altre importanti informazioni sull’attività della Majno nel contesto dell’emancipazionismo italiano, si consideri anche: Ead., Cronache Femminili. Temi e momenti della stampa femminile dall’Unità al fascismo, Siena, 1988, ad vocem.

19 Luigi Majno, contemporaneamente alla professione di avvocato, ottiene per alcuni anni la libera docenza di Diritto penale, presso l’Università di Pavia, dove è stato allievo di Antonio Buccellati. Svolge inoltre la sua attività politica a Milano, in seno alle organizzazioni operaie e al Consiglio Comunale. Dal 1900 al 1904 è Deputato socialista al Parlamento nazionale. La sua attività di studioso si concentra prevalentemente intorno alla stesura di un Commento al Codice Penale Italiano, che viene pubblicato in fascicoli separati, a partire dagli anni novanta dell’Ottocento. Si veda: Luigi Majno, Commento al codice penale italiano, Torino, Unione Tipografico- editrice, 1915. Per i suoi collegamenti con la scuola positiva di diritto penale, si consideri inoltre: Id., La scuola positiva di diritto penale, Milano, Fratelli Rechiedei, 1885,

20  Angiolo Orvieto nasce a Firenze nel 1869 e muore nella stessa città nel 1967. E’ figlio di Leone Orvieto e Amalia Cantoni. Laura Cantoni nasce a Milano il 7 marzo 1876 e muore a Firenze nel 1953. Il padre Achille è cugino della madre di Angiolo. Laura e Angiolo si sposano nel 1899. Per un inquadramento generale delle reti dell’ebraismo italiano rimando a: Tullia Catalan, L’organizzazione delle comunità ebraiche italiane dall’Unità alla prima guerra mondiale, in Storia d’Italia. Annali, vol. 11, Gli ebrei in Italia, a cura di Corrado Vivanti, tomo II, Dall’emancipazione a oggi, Torino, Einaudi, 1997,pp. 1243-1320; e per quanto riguarda la vivacità dell’ambiente culturale in relazione alla condizione delle donne: Monica Miniati, Les « emancipées » : les femmes juives italiennes aux xixe et xxe siècles (1848- 1924), Paris, H. Champion, 2003. Inoltre, per la ricostruzione delle reti dell’emancipazionismo, dentro e fuori l’ebraismo italiano, con specifico riferimento a Laura Orvieto, si veda il mio: Crisalidi. Emancipazioniste liberali in età giolittiana, Milano, Angeli, 2003; e particolarmente su Laura Orvieto, ancora il mio: Laura Orvieto: un’intellettuale del Novecento, «Genesis», 2004, 2, p. 183- 203.

21  «Il Marzocco. Periodico settimanale di letteratura e arte» esce a Firenze dal 1896 al 1932. Diretto inizialmente da Corradini, nel 1899 passa nelle mani dei fratelli Angiolo e Adolfo Orvieto, che comunque ne sono gli ideatori e i primi sostenitori; dal 3 marzo 1903 è diretto dal solo Adolfo. Tra le riviste fiorentine mantiene una posizione autonoma, ponendosi come luogo di incontro di letterati, scrittori, artisti, uomini di cultura, nell’Italia di primo Novecento. Vi collaborano assiduamente, pur con fasi alterne, Giovanni Pascoli, Gabriele D’Annunzio, Luigi Pirandello, Enrico Nencioni, Neera, Angelo Conti, Carlo Placci, Emilio Cecchi, Mario Morasso, Vittorio Cardarelli. Si vedano: Caterina Del Vivo (a cura di), Il Marzocco. Carteggi e cronache fra Ottocento e avanguardie (1887-1913), Atti del Seminario di studi, 12-14 dicembre 1983, Firenze, Olschki, 1985; Clementina Rotondi (a cura di), Il Marzocco: Firenze 1896-1932. Indici, Firenze, Olschki, 1980.

22  Angiolo Orvieto scrive, tra l’altro: Sposa mistica e altri versi (1890-1892), Firenze,F.lli Bocca, 1893; La sposa mistica. Il velo di Maya (1890-1897): poesie, Milano, Treves, 1898; Verso l’Oriente: poesie, Milano, Treves, 1902; Le sette leggende, Milano, Treves, 1912; Poesie d’amore e d’incanto, Firenze, Le Monnier, 1923; Il vento di Sion: canzoniere d’un ebreo fiorentino del Cinquecento, Firenze,Casa editr. Israel, 1928; Il gonfalon selvaggio, Milano, Mondadori, 1934; e le raccolte: Prose, a cura di Carlo Pellegrini, Firenze, Olschki, 1979; Poesie scelte, Firenze, Olschki, 1979.

23  Cfr.: Claudia Gori, Laura Orvieto.

24  Per l’importanza attribuita alla storia d’amore nella ricostruzione del proprio profilo biografico, si veda: Laura Orvieto, Storia di Angiolo e Laura, a cura di Caterina Del Vivo, Firenze, Olschki, 2001.

25  Per tutto, rimando ancora a: Claudia Gori, Crisalidi.

26  In particolare, Laura Orvieto collabora come giornalista al «Marzocco» e scrive, tra l’altro: Leo e Lia: storia di due bimbi italiani con una governante inglese, Firenze, Bemporad, 1909; Storie della storia del mondo, greche e barbare, Firenze, Bemporad, 1911; Principesse, bambini e bestie, Firenze, Bemporad, 1914; Sono la tua serva e tu sei il mio signore: così visse Fiorenza Nightingale, Firenze, Le Monnier, 1920; Beppe racconta la guerra, Firenze, Bemporad, 1925; Storie della storia del mondo. Il Natale di Roma, Firenze, Bemporad, 1928; Storie della storia del mondo. La forza di Roma, Firenze, Bemporad, 1933; Storie di bambini molto antichi, Milano, Mondadori, 1937.

27  Claudia Gori, Crisalidi e Ead., Laura Orvieto.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Claudia Gori, « La costruzione della sincerità tra dimensione personale e sfera politica », Les Dossiers du Grihl [En ligne], 2009-02 | 2009, mis en ligne le 10 février 2010, consulté le 25 mars 2017. URL : http://dossiersgrihl.revues.org/3693 ; DOI : 10.4000/dossiersgrihl.3693

Haut de page

Auteur

Claudia Gori

Claudia Gori est doctorante à l’Institut Universitaire Européen. Elle est l’auteur de Crisalidi : Emancipazioniste Liberali in Eta Giolittiana, Franco Angeli, 2003 et s’apprête à soutenir un doctorat en Histoire et civilisation sous le titre : Quattro carteggi d’amore, tra dimensione personale e sfera pubblica, nell’Italia dell’Ottocento e del primo Novecento.

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Les Dossiers du Grihl est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 3.0 France.

Haut de page